Crescono le domande per il servizio infermieristico a domicilio: in sei mesi +30%

Porto, verso il post pandemia: quasi un milione di euro per opere pubbliche, welfare e giovani

PORTO MANTOVANO – Crescono le richieste per il servizio infermieristico a domicilio che registra un incremento del 30% negli ultimi sei mesi. Gli utenti che si sono rivolti all’assistenza gratuita messa in campo dall’Amministrazione comunale di Porto Mantovano, in collaborazione con Asep e Farmacia Comunale, sono attualmente 266, con fabbisogni che variano dai prelievi di routine ai monitoraggi diagnostici.

“La tendenza a isolarsi per timore di contrarre il virus da parte di anziani e soggetti fragili ha contribuito ad aumentare le richieste di intervento domiciliare – spiega Simonetta Germiniani, infermiera che svolge il servizio -. In media vengono effettuati 3-4 prelievi al giorno, tra Soave e Porto Mantovano, e crescono le richieste di holter”.

Si tratta di attività di supporto che si affiancano a tutte le prestazioni di routine che vengono erogate gratuitamente a domicilio: prelievi, iniezioni, medicazioni, controllo dei parametri, terapie infusionali, gestione PEG, clisteri e cambio cateteri vescicali. In determinati casi e per alcune tipologie di esami è richiesta la prescrizione medica.

Compresi nel servizio anche esami più complessi, come ecg dinamico e holter cardiaco e pressorio, erogati a pagamento dalla Farmacia Comunale con un ticket a costo calmierato a carico dell’utente. “A breve – annuncia Barbara Della Casa, assessore ai servizi sociali del Comune – sarà acquistato anche l’elettrocardiogramma, per integrare la gamma delle prestazioni infermieristiche rivolte agli over 65 residenti nel Comune di Porto Mantovano e alle persone prive di rete familiare di supporto”.