Mantova, viabilità sud. Buvoli: “Serve visione di sistema da San Benedetto a Cremona”

MANTOVA – La viabilità a sud di Mantova è il tema affrontato, ieri alla biblioteca di Bagnolo, dall’incontro promosso dal coordinamento dei circoli dwlla Rete PD Mincio (Bagnolo San Vito, Borgo Virgilio,Castellucchio, Curtatone, Rivalta, Rodigo e Roncoferraro) insieme al candidato per il Partito Democratico alle elezioni regionali Giovanni Buvoli.

“Serve una visione di sistema che vada da San Benedetto fino a Cremona. – ha detto Buvoli – Sul piano delle infrastrutture (ma non solo) Mantova è stata dimenticata per almeno vent’anni. Si è tergiversato invece di prendere decisioni e assumerne le responsabilità. Con quale credibilità chi non ha risolto i problemi per due decenni, dice che li risolverà ora? Qualsiasi risposta è conunque tardiva”.
“Noi che viviamo in questi comuni – ha aggiunto il coordinatore della Rete Pd Mincio Nicolò Agosta – vediamo gli effetti della trascuratezza da parte di Regione Lombardia su viabilità, popolazione, lavoro e socialità. Al centro ci sono tre storie lunghissime e mai risolte: il ponte di San Benedetto, la ferrovia Mantova-Milano e lo stallo di quasi venticinque anni dell’autostrada Mantova-Cremona. Su questo progetto non abbiamo posizioni ideologiche. Pretendiamo che si trovi una soluzione per chiudere l’asse sud e risolvere le criticità di traffico pesante su Bagnolo San Vito, Borgo Virgilio, Curtatone e Castellucchio: situazioni che attendono da troppo tempo”.