Pari opportunità, quanto è stato fatto? I Comuni mantovani a confronto

MANTOVA – Dalla Commissione Pari Opportunità alle collaborazioni con centri anti violenza, biblioteche e cooperative sociali, dalla concessione di contributi per asili nido o per servizi pre e dopo la scuola dei figli al supporto nella cura degli anziani o alle misure per meglio conciliare tempi di lavoro ed esigenze familiari. Sono questi gli esempi di buone pratiche messe in atto dai Comuni mantovani in tema di Pari Opportunità.

Un tema, questo, che è stato al centro di un incontro, svoltosi su iniziativa della Commissione Provinciale Pari Opportunità e della Provincia alla Casa del Mantegna coinvolgendo i Comuni del Mantovano. Il tutto è partito da un Avviso pubblico promosso dal Consigliere delegato alle Pari Opportunità della Provincia di Mantova, Mattia Di Vito, e dalla Commissione provinciale Pari Opportunità, con lo scopo di conoscere quanto realizzato in concreto nel territorio virgiliano. All’Avviso pubblico hanno aderito le amministrazioni di Mantova, Castel d’Ario, Gonzaga, Pegognaga, Borgo Virgilio, Borgo Mantovano, Ostiglia e Suzzara, che si sono confrontate nel corso del seminario finale di sensibilizzazione e condivisione di buone pratiche nell’ambito delle pari opportunità.

Ad oggi, come emerso dall’incontro, ci sono cinque Commissioni Pari Opportunità, inoltre nella maggior parte dei Comuni vi è la collaborazione con le realtà del territorio (Centri anti violenza, cooperative sociali, biblioteche, AUSER,etc) impegnate nelle tematiche delle Pari Opportunità. Sono inoltre attive molte misure di conciliazione dei tempi lavorativi con le esigenze familiari (contributi per asili nido, servizi pre e dopo scuola, assistenza, cura e accompagnamento per gli anziani) e sono in via di realizzazione progetti riferiti alle Pari Opportunità a 360° con particolare attenzione alle discriminazioni di genere, di etnia e alle disabilità. Al termine della presentazione di quanto presente nel proprio Comune, i rappresentanti degli enti hanno ricevuto un riconoscimento per il loro impegno da parte del Presidente della Provincia di Mantova Carlo Bottani.