Pieno successo a Pegognaga del 58° Carnevale delle Donne

Immagine Fotostudio Giulia Braglia

PEGOGNAGA – Oltre il previsto il successo di partecipazione registrato a Pegognaga dalla 58a edizione del Carnevale delle Donne: poco meno di un centinaio le donne e una decina di uomini hanno presenziato e gustato il tradizionale evento, tenutosi l’altra sera sulla piattaforma multifunzionale della parrocchia, nel pieno rispetto delle norme antipandemia.
L’evento era stato programmato come appendice del 68° Carnevale dei Ragazzi nel mese di marzo, ma per evitare contagi é stato spostato al periodo estivo.
Scelta che ha permesso di cogliere lo straordinario successo di adesioni. E ciò dà la misura della voglia di evasione che qualcuno ha definito voglia di liberazione dal condizionamento pandemico. La manifestazione ottimamente condotta dal gruppo di animatori si é altresì tradotta in un omaggio alle ideatrici della manifestazione, le Suore Sacramentine.
Non si é trattato di una sfilata in maschera, ma di una rappresentazione comica della vita di borgata rifacentesi all’epoca, remota, in cui la povertà paesana era sottolineata anche da un evidente analfabetismo vagamente picaresco. Applauditissime le interpreti che hanno messo in scena la commedia in vernacolo “Na cà dal Chècu dü”, diretti dal regista Raffaele Spina che ha svolto altresì il duplice ruolo di contadina ignorante ma furba (primo a sinistra nel flash del Fotostudio Giulia Braglia). Festeggiate con calore le altre interpreti, in ordine nella foto: Elena Dall’Oca, Vanna Cavalletti, Giulia Gerola, Chiara Scarduelli, Patrizia Prevedelli, Valeria Montanarini.

Riccardo Lonardi