Giunta Palazzi, accettato il contributo ministeriale per il Pinqua. I cantieri dovranno terminare entro il 2025

Il centro destra chiede a Palazzi di sostenere l'occupazione post-Covid e di abbandonare i progetti più costosi come Bocciofila e campi da calcio sintetici

MANTOVA – Approvata la delibera con la quale la Giunta Palazzi prende atto del decreto ministeriale e dell’“Elenco proposte ammesse” nel quale il progetto del Comune di Mantova “Q.U.I. – Quartiere & Innovazione, Mantova” ha ottenuto un contributo di 15milioni di euro e accetta il contributo rimodulando il cronoprogramma di realizzazione delle opere.

Le risorse che finanziano il bando Pinqua, (programma innovativo nazionali per la qualità dell’abitare), provengono infatti dai fondi del Pnrr e i tempi quindi sono dettati dalla Comunità Europea. Il nuovo cronoprogramma prevede tempi di realizzazione decisamente più stretti e tutti i cantieri dovranno essere collaudati e rendicontati entro la primavera 2026, una scadenza che prevede di conseguenza che i cantieri terminino entro l’autunno 2025. Naturalmente alcune opere avranno un iter progettuale e realizzativo più breve, mentre altre, come la nuova scuola, si concluderanno a fine 2025.

Sei i progetti (4 del Comune e 2 dell’Aler) che verranno realizzati:

-riqualificazione spazi comuni quartiere Erp Due Pini (500.000 euro);
-completamento ciclabile in Strada Chiesanuova (778.050 euro);
-nuova scuola primaria (9.500.000 euro);
-acquisizione e riqualificazione energetica di cinque palazzine in località Borgochiesanuova, via Giorgio Gaber (8.915.000 euro);
-recupero di due spazi commerciali di proprietà Aler in piazza Domenico Fetti (300.000 euro);
-recupero di tredici alloggi in edifici vari di proprietà Aler in via Bolivia (730.000 euro). Il totale degli interventi è di 20.723.050 euro.

Dopo aver ottenuto il finanziamento di 15 milioni dei euro, ora l’Amministrazione reperirà le risorse finanziarie rimanenti di 5.723.050 euro.