Cappellari: “serve nuova organizzazione e riapertura di tribunali soppressi”. Nel 2012 fu cancellato Castiglione

Riforma della giustizia, alta a Mantova l'adesione allo sciopero

Milano – Il gruppo regionale della Lega ha presentato oggi in Commissione affari istituzionali al Pirellone la proposta di legge al Parlamento per una nuova organizzazione dei tribunali ordinari e degli uffici del pubblico ministero, in ossequio al principio della parità di accesso alla giustizia di tutti i cittadini.
In merito è intervenuto il Consigliere regionale della Lega Alessandra Cappellari, Presidente della II Commissione affari istituzionali al Pirellone, prima firmataria del progetto di legge.
“Con il passaggio odierno in Commissione si intende interviene su questioni di interesse territoriale con riferimento al tema della geografia giudiziaria; infatti, la ristrutturazione massiva degli uffici giudiziari avvenuta nel 2012 – con tagli lineari – ha causato pesanti disservizi a cittadini e imprese che si sono visti penalizzati sia per questioni prettamente geografiche sia in termini di produttività”.
Tra gli uffici giudiziari soprressi nel 2012 ci fu anche quello di Castiglione delle Stiviere.
“La precedente riorganizzazione – continua Cappellari – non ha tenuto conto di alcuni parametri, come l’estensione geografica di talune province in rapporto al numero di abitanti e il tasso di densità di imprese rispetto alla collocazione geografica posta al di fuori dei capoluoghi di provincia”.
“Nel testo presentato vengono quindi fissati gli obiettivi posti alla base dei progetti di revisione della geografia giudiziaria: l’accesso alla giustizia in termini di vicinanza dei tribunali ai cittadini; la dimensione minima di un tribunale; l’ottimizzazione delle risorse economiche pubbliche e la massimizzazione della qualità del servizio reso”.
“L’obiettivo è quello di garantire un servizio giudiziario più efficiente e al contempo più rispondente alle esigenze socioeconomiche della Lombardia” conclude Cappellari.