Passaporti in Posta: 8 uffici quasi pronti a partire nel Mantovano

“Grazie alla collaborazione con Poste Italiane, e alla sua capillare rete di uffici sul territorio, stiamo progressivamente spostando il baricentro delle attività del Viminale per renderlo sempre più vicino alle esigenze dei cittadini”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi nel corso della presentazione del progetto Polis per la richiesta di rilascio dei passaporti negli uffici postali dei comuni con meno di 15mila abitanti.
La sperimentazione partirà da Bologna e poi si estenderà agli altri uffici.
Attualmente sono 59 i comuni del mantovano che avranno questi nuovi servizi

Ad oggi gli uffici postali mantovani dove sono già stati fatti i lavori per predisporli al nuovo servizio sono 8: Asola, Revere (Borgo Mantovano), Mariana Mantovana, Roncoferraro, Gazoldo degli Ippoliti, Moglia, Monzambano e Belforte (Gazzuolo).
Il progetto andrà avanti fino al 2026.

“Un altro tassello importante nel progetto Polis che noi riteniamo assolutamente centrale per lo sviluppo dei piccoli centri urbani, l’inclusione sociale e la competitività del Paese”, commenta il ministro delle Imprese , Adolfo Urso.
“Questa iniziativa contribuirà a semplificare l’accesso ai servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione e a ridurre i tempi necessari per richiedere o rinnovare il proprio passaporto. Con l’avvio di questa ulteriore fase, gli uffici postali aumenteranno progressivamente la loro centralità, trasformandosi in veri e propri “sportelli unici” di prossimità per l’accesso ai servizi pubblici” ha aggiunto.

L’iniziativa, nata in seguito alla firma di una apposita Convenzione tra Poste Italiane, Ministero delle Imprese e del Made in Italy e Ministero dell’Interno, rientra nell’ambito del progetto “Polis – Case dei servizi di cittadinanza digitale”: consentirà ai cittadini residenti o domiciliati nei Comuni inclusi nel progetto di presentare direttamente allo sportello dell’ufficio postale la pratica di richiesta o rinnovo del passaporto, senza doversi recare in Questura, con la possibilità di ricevere il documento direttamente al proprio domicilio.