Soccorso mentre girava seminudo, è morto il giorno dopo in ospedale. Probabile autopsia per chiarire le cause

A Mantova una banca del plasma e una Fondazione per la ricerca

MANTOVA – E’ morto ieri  all’ospedale di Mantova l’uomo di 34 anni che domenica era stato soccorso dai carabinieri mentre girava seminudo per Viadana.

Il 34enne, Andrea Filippi, sposato con una donna di origini albanesi e padre di una bambina di 2 anni e mezzo era stato portato all’ospedale Oglio Po e poi, per l’aggravarsi delle sue condizioni a Mantova.

Domenica pomeriggio girava per il centro del paese solo in mutande urlando di avere con sé un coltello. Alcuni passanti hanno chiamato i Carabinieri, che, una volta raggiunto lo avevano tranquillizzato e accompagnato in ospedale a bordo dell’ambulanza.

Non aveva segni di violenza, ma era disorientato, anche se è stato collaborativo con le forze dell’ordine. Il 34 enne non aveva precedenti penali, ma era noto ai servizi sociali per problemi di dipendenza da alcol e da sostanze stupefacenti.

Non è escluso che il magistrato disponga l’autopsia per stabilire le cause del decesso.

Filippi lavorava a Brescello nel settore ortofrutta, era dipendente di un consorzio che vende meloni. Mai nessun problema sul lavoro.

leggi anche https://mantovauno.it/cronaca/viadana-vaga-per-il-paese-brandendo-un-coltello-bloccato-dai-carabinieri/